COTECHINO

È uno degli insaccati più famosi, in questo periodo dell’anno è tra i più comprati e insieme alle lenticchie compone il classico piatto beneagurante di Capodanno: è il cotechino l’ingrediente di questa settimana!

Caratteristiche

COTECHINO

Caratteristiche

Il cotechino deve il suo nome alla “cotica”, la cotenna del maiale che costituisce almeno la metà dell’impasto. È un alimento povero, nato per riuscire ad utilizzare nel modo migliore possibile (e soprattutto conservare) le parti meno pregiate di questo animale, che non si prestano alle lunghe stagionature.


Ha un sapore intenso e deciso che ben si abbina alle lenticchie che completano il suo gusto in bocca, rendendolo così il piatto Re del Cenone di Capodanno, infatti questa pietanza non manca mai su nessuna tavola (ad eccezione di una vegetariana!). Da Nord a Sud del Paese tutte le cene dell’ultimo dell’anno, che siano in casa o al ristorante, finiscono per tradizione con questa portata, che ha l’arduo compito di portare fortuna e soldi per il nuovo anno.

Le tradizioni esistono per essere seguite, ma qualche volta apportare piccole modifiche, è alla base di un successo assicurato. Per queste feste noi di SecondChef vogliamo proporvi una ricetta diversa, un po’ originale, ma che parte dalle basi, per portare sulle vostre tavole un secondo che difficilmente dimenticherete, anzi!
Festeggiate l’ultimo dell’anno preparando questo gustosissimo cotechino accompagnato da un vellutato purè di patate dolci e guarnito con una salsa alla rucola che bilancerà ogni sapore.
Lasciate a bocca aperta i vostri ospiti regalandogli una cena indimenticabile grazie a questa ricetta: “Cotechino con patate dolci e rucola”. 

A noi piace perché:

  • È ricco di proteine: necessarie per il giusto funzionamento muscolare.
  • Contiene vitamine del gruppo B: essenziali per lo sviluppo armonico di tutte le strutture dell’organismo.
  • È ricco di ferro: in grado di favorire la produzione di emoglobina nel sangue.

 

Curiosità

Il cotechino e lo zampone non presentano differenze per quanto riguarda l’impasto, la vera e unica differenza, palesemente visibile, è data dall’involucro. Nel caso dello zampone, infatti, l’insaccatura avviene all’interno della cotenna della zampa anteriore del suino, che essendo spessa mantiene maggiormente il volume e le caratteristiche delle carni. Mentre il cotechino viene, semplicemente, insaccato nel budello naturale del suino, precedentemente lavato con acqua calda.

Le ricette di SecondChef con COTECHINO

COTECHINO CON PATATE E RUCOLA
In breve
Difficoltà icona ricetta di difficoltà 1
Tempo di preparazione: 25 minuti

Cotechino con patate dolci e rucola

Questa ricetta non è attualmente disponibile

Difficoltà icona ricetta di difficoltà 1
Tempo di preparazione: 25 minuti

Cotechino con patate dolci e rucola

Che capodanno sarebbe senza cotechino? E allora ecco il più classico dei piatti di fine anno, accompagnato però da ingredienti insoliti: patate dolci e rucola. Lasciati tentare, non potrà che essere un successo!...

Kcal

1410

Proteine

55

Lipidi

132

Carboidrati

0

Valori nutrizionali per 100g

Leggi la ricetta

Accedi

Inserisci Nome utente e password

Non hai ancora un account? Registrati

icona accesso con facebook Accedi con Facebook
icona per input email
icona per input password

Registrati

Inserisci Nome utente e password

Hai gia un account su SecondChef? Accedi

illustrazione contatti